Domaine d’Ardhuy Pernand-Vergelesses Rouge « Les Boutières » 2020

Denominazione: Pernand-Vergelesses
Vigneto: Boutières
Contenuto: 75 Cl
Colore: rosso
Varietà: Pinot noir

Aspetto: Rosso granato con riflessi rubini
Naso: franco, elegante, con sentori di fragola
Palato: ampio, delicato e fresco
Sentore di legno: moderato
Abbinamenti: filetto al pepe verde, formaggi blu
Certificazione: HVE3 (alto valore ambientale di livello 3)

Il vigneto
Vigneto impiantato nel 1913.

L’esposizione
Sud.

Terroir
Argilloso calcareo profondo ai piedi della collina di Corton.

Etimologia
Boutières: questo è il nome di due appezzamenti ad Aloxe-Corton, sopra la strada D974 da Digione a Beaune. Un grande parcella chiamato “Aux Boutières” si protrae da questi appezzamenti a Savigny-lès-Beaune, e sopra, il climat di Champ Chevrey ed indica un sentiero cavo probabilmente percorso da muli che trasportano “boutes” (pelli di capra) pieni di vino. Possiamo seguire i loro passi grazie alle tre parcelle di Pernand-Vergelesses che prolungano il lieu-dit “Aux Boutières” di Savigny-lès-Beaune e si chiamano Les Boutières. La disposizione di queste parcelle è sorprendente. Sono distanziati lungo questa antichissima strada che probabilmente consentiva ai mulattieri di raggiungere i villaggi di Arrière-Côte per rifornirli di vino. Vorremmo sapere da dove provenivano questi mulattieri; forse dal porto di Seurre che è più vicino a questi villaggi di Chalon-sur-Saône. Olio e vino venivano trasportati a dorso di mulo in “boutes”: otri di capra contenenti circa 50 litri. Questo nome, che deriva dal latino imperiale BUTTIS “vaso del vino”, avrebbe origine dal gallico? Non lo sappiamo. Potrebbe piuttosto essere un termine mediterraneo legato alla viticoltura.

ATTENZIONE: copyright, i testi appartengono a iOS ClimaVinea e/o https://www.athenaeum.com/livre/2337006-climats-et-lieux-dits-des-grands-vignobles-de-b–sylvain-pitiot-marie-helene-landrieu-lussigny-editions-jean-pierre-de-monza (ISBN 978-2-916231-20-4)

Product Enquiry

Scroll to Top
Torna su